Patina del tempo e conservazione preventiva

Corso Restauro: Secoli d’arte da sfogliare, Lezione  9

Le slide viste al corso sono disponibili qui

Che cos’è la patina?

Per patina si intende il segno del passaggio del tempo su un’opera, vale a dire i fenomeni naturali e i cambiamenti inevitabili che sono conseguenza del passare del tempo. Così come le persone, infatti, anche le opere inesorabilmente invecchiano e la “pelle” di un dipinto cambia, coprendosi di una sorta di velo d’antichità.
Questa patina naturale non deve essere confusa con i depositi di sporcizia: la difficoltà per un restauratore è proprio quella di riuscire a rimuovere le vernici ingiallite o annerite, senza mettere a rischio la “pelle” originaria dell’opera.
Per intenderci, è proprio questa l’accusa fatta ai restauratori della Sant’Anna, la Vergine e il Bambino con l’agnellino di Leonardo, al cui intervento di pulitura si imputa un’eccessiva aggressività che ha cancellato, oltre al velo del tempo, le velature per cui è famoso il maestro.

Restauro sant'Anna la Vergine e il Bambino con l'agnellino, Leonardo

Restauro di sant’Anna la Vergine e il Bambino con l’agnellino, Leonardo

Nella concreta prassi, instaurata presso la scuola dell’Istituto Centrale del Restauro, sarebbe stata buona norma fermarsi un attimo prima della totale rimozione delle vernici, per non intaccare le velature originali.

Il Tempo pittore

Può il tempo migliorare i dipinti? C’è stato un periodo in cui la patina era particolarmente apprezzata: il Seicento. Il segno visibile del passare dl tempo su un’opera non era soltanto garanzia di autenticità, ma anche un preciso valore estetico, al punto che la si simulava con opportune vernici (una ricetta di metà ‘800 per invecchiare un dipinto ci è documentata da Ulisse Forni, che consiglia una soluzione di liquirizia, caffè e tabacco!).

Quello del Tempo, personificato come vero e proprio artifex, era considerato quindi un intervento altrettanto autentico della mano dell’artista:

Verrà del tempo la maestra mano

a dare all’opre tue l’ultimo tocco;

che colla bruna patina i colori,

ammorbidisca, e accordi; e quella grazia

aggiunga lor che sol può dare il tempo;

porti il tuo nome a’ Posteri, e più rechi

bellezze all’opre tue che non ne toglie

(John Dreyden, 1694)

Il Seicento apprezza l’effetto estetico di un fenomeno non intenzionale (il trascorrere del tempo), il solo in grado di “ammorbidire” e “accordare” i colori, regalando quella “grazia” particolare che possiede il tono giallo o caldo-bruno, in grado di abbassare i chiari e schiarire le campiture scure, dando uniformità.

Anche nella “Charta del navegar pitoresco” di Marco Boschini, troviamo ribadito questo gusto. Qui il dialogo immaginario avviene tra il Tempo e Pietro Vecchia, restauratore conosciuto per la capacità di rimettere a nuovo i quadri tanto che “ognun se ghe ispechia”… sollevando le rimostranze del nostro Tempo pittore:

“EI Vechia ferma el tempo e dise: olà

Cosa pensistu a far col tuo velar?

Vustu forsi Pitura inmortalar?

Ferma, che voi che ti resti incantà.

E mostra al tempo una tal tela scura,

Col dirghe: quando xe, che ti laori

A far patina sora sti colori,

Perché vechia deventa sta pitura?

Responde el tempo: l’è cent’ ani, e pi,

Che studio e che me sforzo a colorir

Quel che ‘l penelo no ha possù suplir,

Dove pretendo saver più de ti.

Misier no, misier no, replica el Vechia:

Te vogio depenar quel che ti ha fato;

Vegno ala prova. E là presto, int’un trato,

El neta el quadro, che ognun se ghe ispechia.

Alora dise el tempo: so anche mi,

Che a desfar quel che ho fato se fa ‘presto.

Se in l’operar ti fussi cusì lesto,

M’inchinerave e te daria ‘l bondì,

El Vechia, con la strada vechia aponto,

Propria, particular, industriosa,

Fa una vergogna al tempo gloriosa,

E torna el quadro in pristino int’un ponto”.

William Hogarth, Time smoking a picture, metà XVIII sec.

William Hogarth, Time smoking a picture, metà XVIII sec.

E chi ha il bagaglio di conoscenze di un restauratore sa imitare la mano del tempo del pittore: la patina può essere imitata con opportune vernici, mentre la craquelure (crettatura sulla superficie dipinta) può essere indotta artificialmente. Abbiamo visto alcuni inganni messi in opera dai falsari, come questo:

imitatore di Brueghel

Imitatore di Brueghel, olio su tavola, venduto come originale nel 1923: il dettaglio mostra una finta crettatura dipinta con mano certosina dal falsario e la vera che inizia a formarsi.

Esistono molte copie di Brueghel, soprattutto del ‘700, ma quando lord Lee acquistò questo quadro, molto probabilmente non aveva che pochi anni. Il falsario non è riuscito a ottenere una craquelure convincente (l a difficoltà sta nell’imitare i depositi di sporco fra le crestine di colore sollevate) e se l’è meticolosamente dipinta.

I quadri nelle collezioni: patine, riquadrature e puliture

l'occhio del conoscitoreCome ricorda Longhi: «nel Cinque e nel Seicento, al moda dominante, aulica per eccellenza e decorativa, si accomodò a mutilar dipinti nello stesso spirito con cui si affrettava ad accrescerli per via di giunte (si vedano di grazia le molte rabberciature ai quadri veneziani nel Louvre, al Prado, ecc.); ogni volta cioè che lo chiedessero le più generiche esigenze distributive e architettoniche di una galleria; ora  per creare un “accompagno”, come si diceva, fra dipinti affini ma di formato diverso, ora per servire l’andamento e le misure degli stucchi, delle scorniciature, dei sopraporta, e via dicendo».

Si allargano composizioni troppo serrate o affollate e nella ricerca di questo equilibrio tra fondo, figura e cornice, conforme ai dettami del classicismo, si arriva a tagliare anche una parte dell’originale come, in un momento non precisabile, pare sia accaduto anche alla Gioconda, privata delle due colonne che servivano a inquadrare e allontanare il fondo di paesaggio (il dibattito sul taglio della tavola è stato avviato dal raffronto con le moltissime copie, ma gli ultimi studi sembrano escluderlo).

Gioconda, alcune copie famose

Noi ci siamo concentrati sulla cosiddetta Monna Lisa del Prado, “scoperta” nel febbraio 2012, che pare essere una copia antica, addirittura dello stesso tempo e dello stesso atelier di Leonardo.

Esistono molte repliche o copie della Monna Lisa, ma pare che questa sia la più antica, secondo alcuni, anzi, proprio dello stesso tempo e dello stesso atelier di Leonardo, per ragioni che non possiamo conoscere (ma l’esame dello stile  e della tecnica del maestro esclude che ci sia al mano di Leonardo: il disegno è di qualità inferiore e la pennellata è molto più semplice, continua, lineari e compatta, senza lo sfumato caratteristico del Leonardo maturo).

Leonardo, Gioconda, Louvre - Copia della Gioconda, Prado, prima e dopo il restauro

Leonardo, Gioconda, Louvre – Copia della Gioconda, Prado, prima e dopo il restauro

Nel 2010, grazie a un intervento di restauro in vista di un prestito temporale al Louvre, la tavola è sottoposta agli esami tecnici standard, che includevano riflettografia infrarossa, fluorescenza indotta con luce ultravioletta, radiografia ed ispezione con lente binoculare. La riflettografia e l’esame della superficie della tavola con luce radentehanno rivelato la presenza di un paesaggio dietro il mezzobusto della donna, nascosto dietro una mano di colore scuro, dalla quale è stata liberata.

Dopo aver analizzato gli aspetti formali, abbiamo allargato il discorso, discutendo del rapporto con l’originale, motivando le differenze, ricercando nel cambio del gusto estetico la scelta della ridipintura del paesaggio e inquadrando un problema fondamentale che una simile “scoperta” pone, cioè il rischio che una versione “full color” induca i futuri restauratori della Gioconda leonardesca ad andare alla ricerca di colori simili sotto la patina dell’originale.

Ma perché Leonardo è così difficile da restaurare?

Una caratteristica fondante dello stile di Leonardo è lo sfumato, cioè quel procedimento chiaroscurale usato in pittura per la prima volta da Leonardo da Vinci, così detto per distinguerlo dal vero e proprio chiaroscuro usato dai pittori fiorentini del Rinascimento. Quest’ultimo definisce plasticamente la forma, mentre lo sfumato leonardesco annulla la linea di contorno e attenua il risalto plastico, per ottenere la maggiore compenetrazione tra figura e atmosfera. Con l’aiuto delle immagini (qui disponibili al link sotto il titolo) e qualche nozione di tecnica della pittura ad olio, abbiamo definito la questione (e fatto una bella scorribanda nei territori della storia dell’arte italiana tra Quattrocento e Cinquecento!).

Ma tornando a Leonardo, è proprio lo sfumato a porre i maggiori problemi nel caso di una pulitura, perché questo effetto di sottili gradazioni di luce e colore che si fondono impercettibilmente è ottenuto grazie a una pittura estremamente diluita e quindi molto fragile, che si rischia di perdere in modo irreversibile.
Meglio, allora, poter ammirare al Gioconda ingiallita dalla patina naturale del tempo ma con lo sfumato che ha reso celebre Leonardo intatto, oppure è necessario tentare di rimuovere le vernici giallastre alla ricerca del colore “originale” affrontando il rischio di una perdita definitiva delle eleganti sottigliezze del maestro?

Si vorrebbe pensare che oggi i metodi del restauro siano più accorti e sicuri perché appoggiati su solide basi scientifiche e su una grande esperienza condivisa a livello internazionale, ma di fatto troppo spesso si sa di restauri dai risultati quanto meno criticabili (si veda la Sistina, di cui sotto, per citare il caso più eclatante, su un’opera delle più ammirate al mondo, che di certo avrebbe meritato più riguardo).

La tentazione del “full color” è grande, tanto più che, quando mai lo si deciderà, il restauro della Gioconda sarà un intervento su cui il mondo intero fermerà gli occhi e di certo i restauratori tenderanno a spettacolarizzare il risultato, per non deludere gli spettatori (quelli non accorti) che affluiranno in massa a vedere la tavola “tornata allo splendore originale” (che, come sempre sottolineo, è un clichè che niente ha a che spartire col restauro).

La conservazione preventiva

Proprio per evitare interventi di restauro d’urgenza (più costosi e spesso invasivi) è necessario pianificare nel tempo la manutenzione e tutta una serie di azioni sui beni culturali volte a ritardarne il deterioramento e a prevenirne i rischi di alterazione, creando delle condizioni ottimali di preservazione compatibili con l’esposizione al pubblico, la manipolazione, il trasporto, lo stoccaggio.
Intervenendo non sul singolo oggetto, parte di sito o monumento, ma sul loro insieme e sull’ambiente che li circonda, con ripetute azioni programmate di piccola entità e basso costo, si possono evitare grandi interventi di restauro invece molto costosi e comunque di maggiore impatto nei confronti dell’opera (esattamente come la medicina preventiva!)

In un panorama come quello italiano, che da decenni svilisce il nostro enorme patrimonio culturale, è molto difficile immaginare una svolta che punti più sulla salvaguardia che sugli interventi d’urgenza (si pensi al restauro/pulitura del Colosseo, affidato a privati senza troppe garanzie sul rispetto del monumento storico, mentre il piani urbanistici della città continuano a mirarne la stabilità).

Per fortuna c’è un’eccezione positiva, che si spera faccia da apristrada verso una nuova concezione della conservazione: i Musei Vaticani, che dal 2009 hanno deciso di investire risorse e professionalità in progetti sperimentali di conservazione preventiva e conservazione programmata con l’intento di riportare in uso le vecchie pratiche di manutenzione, aggiornate secondo le moderne tecnologie scientifiche, e di rovesciare la prospettiva secondo la quale le ridotte risorse economiche del tempo presente debbano essere concentrate su pochi eccelsi capolavori.

Allo scopo di migliorare al massimo le condizioni delle opere all’interno del contenitore edificio/impianti, nuovi settori operativi si occupano a tempo pieno di rilevamento e controllo dei valori microclimatici, di illuminamento, di concentrazione di inquinanti aerodispersi in ambienti espositivi o con funzione di deposito. Si eseguono studi ambientali preliminari all’intervento di restauro, protocolli post-restauro o dedicati al controllo delle soluzioni espositive adottate.

Questi consistono nella spolveratura delle opere esposte lungo i circa sette chilometri di percorsi, eseguita da ditte esterne di restauratori specializzati, muniti di idonea strumentazione, in base a protocolli di intervento e metodologie indicate dai laboratori di restauro interni ai Musei Vaticani. La pratica di rimozione della polvere si completa necessariamente con il controllo dello stato di conservazione e con la documentazione e si avvale di programmi informatici appositamente studiati.

Il problema della patina nella Cappella Sistina

Parlando di patina non si può non ritornare sugli affreschi di Michelangelo; la Sistina ha angeli in carne e ossa che si occupano della manutenzione nelle ore di chiusura al pubblico, occupandosi appunto del restauro conservativo: in merito vi segnalo questo articolo.

Cappella Sistina, conservazione preventiva

Forse grazie a interventi come questi si potranno evitare puliture aggressive come quella avviata nel 1980, tanto disgraziata da non tener conto delle parti dipinte a secco, per sempre perdute, o da considerare egualmente spurie tutti gli strati scuri di colla animale e “nero fumo”, tutta la sporcizia, e tutte le aree sovradipinte, con i risultati che abbiamo commentato insieme.

Fasi del restauro, piede della Sibilla

La pulitura ha cancellato la parte a secco, irrimediabilmente: il piede dopo il restauro ha perso l’ombra ma anche la sua credibilità anatomica (si noti la strana curva del tallone, nella seconda foto, che appare come appuntito).
Michelangelo aveva evidentemente riposizionato questo piede, eliminandone una parte ed aggiungendone un’altra, per poi dare unità al tutto con pittura a secco. Ai restauratori, resisi conto dell’incongruenza, non restava che ridipingere il piede cercando di ridargli la forma primitiva, aggiungendo al misfatto della pulitura non differenziata, quello più grave ancora del falso storico, con tacita ammissione d’errore.

Vi segnalo la fonte principale delle immagini, che spiega accuratamente altri dettagli.

 

Annunci

2 commenti

Archiviato in Restauro

2 risposte a “Patina del tempo e conservazione preventiva

  1. meg

    Tutto molto interessante, grazie.
    Seguirò con piacere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...